Avviso di accertamento Agenzia delle Entrate

Cosa fare, termini di pagamento, ricorso avverso e rateazione dell'avviso di accertamento Agenzia delle Entrate

Che cos'è l'avviso di accertamento dell'Agenzia delle Entrate?

L’avviso di accertamento dell'Agenzia delle Entrate è l’atto con cui l’Agenzia delle Entrate, a seguito della conclusione di una verifica fiscale condotta a carico del contribuente, richiede formalmente a quest’ultimo una maggiore pretesa in termini di imposta, applicando altresì sanzioni e interessi.

Cosa devo fare se ricevo un avviso di accertamento?

Il contribuente, quando riceve la notifica di accertamento dell’Agenzia delle Entrate, può:

- presentare ricorso in Commissione Tributaria;
- presentare istanza di accertamento con adesione per cercare di addivenire ad un accordo con l’Agenzia delle Entrate;
- presentare istanza di annullamento in autotutela.

Cosa può fare 4tax per la mia azienda?

4tax analizza gratuitamente l'avviso di accertamento che ti è stato notificato, entro 48 ore dall'invio della tua richiesta. Troviamo errori dell'Agenzia delle Entrate nel 73% dei casi.

Quali sono i termini di pagamento dell'avviso di accertamento?

Se il contribuente rinuncia a presentare ricorso ovvero a presentare istanza di accertamento con adesione e intende regolarizzare la sua posizione, può entro 60 giorni procedere con il pagamento di quanto richiesto con l’avviso di accertamento usufruendo dell’applicazione delle sanzioni in misura ridotta a 1/3.

Quanto tempo ho per fare ricorso contro l’Agenzia delle Entrate?

Il contribuente deve a pena di inammissibilità proporre ricorso avverso l’avviso di accertamento entro 60 giorni dalla notifica dell’atto da parte dell’Agenzia delle Entrate. Successivamente alla notifica del ricorso, il contribuente deve a pena di inammissibilità depositare il medesimo entro 30 giorni in Commissione Tributaria. Entro il termine di 60 giorni il contribuente può anche presentare un’istanza di accertamento con adesione. In tal caso, il termine di 60 giorni per proporre ricorso si sospende per 90 giorni.

Posso rateizzare il mio debito?

Il contribuente può ottenere il pagamento rateale delle somme richieste dall’Agenzia delle entrate, dilazionando il proprio debito. Qualora il contribuente opti per il pagamento rateale, l’importo da questi dovuto potrà essere suddiviso per un massimo di 8 rate trimestrali dello stesso importo. In caso di somme superiori ai 50.000 euro è possibile rateizzare per un massimo di 16 rate trimestrali.

Quando l'avviso di accertamento dell'Agenzia delle Entrate diventa definitivo?

Se entro 60 giorni dalla notifica dell’atto di accertamento il contribuente non propone ricorso o istanza di accertamento con adesione ovvero non procede con il pagamento degli importi richiesti con l’atto di accertamento, la pretesa avanzata dall’Agenzia delle Entrate diventerà definitiva.

Quando cade in prescrizione?

L’Agenzia delle Entrate è obbligata a notificare l’atto di accertamento al contribuente rispettando determinate tempistiche.

Se il contribuente ha presentato la dichiarazione dei redditi, l’Agenzia delle Entrate deve notificare l’avviso di accertamento tributario entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione. Se il contribuente non ha presentato la dichiarazione dei redditi ovvero ha presentato una dichiarazione nulla, l’Agenzia delle Entrate deve notificare l’avviso di accertamento tributario entro il 31 dicembre del settimo anno successivo rispetto a quello in cui la dichiarazione avrebbe dovuto essere presentata.È importante precisare che tali termini di decadenza si applicano per le principali imposte.

Per le altre imposte vi sono termini di decadenza differenti.

Compila il form: ti richiamiamo entro 1 ora e troviamo la soluzione migliore per annullare o ridurre il debito fiscale in 48 ore!

*Sei un commercialista o un avvocato?

Vai al form apposito!
Ti informiamo che i dati che fornirai saranno trattati esclusivamente ai fini della stipulazione del preventivo da parte di 4tax. Il conferimento dei dati è facoltativo; in mancanza, tuttavia, non potremo valutare la tua richiesta. In ogni caso il trattamento verrà effettuato adottando misure di sicurezza idonee nel rispetto del Regolamento 679/2016 (“GDPR”). Il trasferimento di dati a parti terze (Google, Webflow) non avverrà senza avere ottenuto preventivamente il Tuo esplicito consenso.  Il titolare del trattamento è 4tax - mail 4tax@4tax.it. Contattando il titolare hai diritto a richiedere l’accesso ai Tuoi dati, la rettifica o la cancellazione degli stessi, la limitazione del trattamento o la possibilità di opporsi al trattamento, la portabilità dei dati, di revocare il consenso al trattamento facendo valere questi e gli altri diritti previsti dal GDPR.
Grazie, la tua richiesta è stata inviata con successo!
Oops! Qualcosa non va, controlla bene i dati!