Appello tributario: i termini di notifica e di deposito

Appello tributario: i requisiti, i termini e la differenza con l'appello incidentale tributario!

Si rende necessario predisporre un appello tributario ogni qualvolta il contribuente, a seguito della presentazione di un ricorso tributario in Commissione Tributaria Provinciale, ottenga una sentenza a lui sfavorevole.

1. Appello tributario: requisiti

Come espresso dall’articolo 53 del decreto legislativo 31 dicembre 1992, n. 546, l’appello tributario deve contenere:

  1. l’indicazione della Commissione Tributaria Regionale;
  2. l’appellante e l’appellato (Agenzia delle Entrate o Agenzia delle Entrate-Riscossione);
  3. gli estremi della sentenza della Commissione Tributaria Provinciale;
  4. l’avviso di accertamento o l’atto fiscale di cui si chiede l’annullamento;
  5. l’esposizione sommaria dei fatti;
  6. i motivi specifici di impugnazione;
  7. la sottoscrizione del difensore;
  8. la nomina del difensore (procura appello tributario);
  9. l’indirizzo PEC e codice fiscale del difensore;
  10. l’indirizzo PEC e codice fiscale del ricorrente;
  11. la dichiarazione del valore della causa.

Qualora uno o più dei suddetti elementi non venisse indicato nell'atto, l’appello tributario potrebbe risultare inammissibile.

L’appellante ha facoltà di richiedere nel ricorso tributario in appello la sospensione dell’esecutività dell’atto se questo può provocargli, un danno grave e irreparabile, come stabilito dall’articolo 52, comma 2, del decreto legislativo 31 dicembre 1992, n. 546.

È importante altresì notare che nel ricorso tributario in appello non possono essere proposte nuove domande, e se presentate, devono essere dichiarate inammissibili d’ufficio Per quanto riguarda il giudice non può disporre nuove prove, salvo non diventino indispensabili ai fini della decisione.

2. La Commissione Tributaria Regionale competente

Per una corretta costituzione nel secondo grado di giudizio, è necessario individuare la Commissione Tributaria Regionale competente

Ogni Commissione Tributaria Regionale, che ha sede in ogni capoluogo di Regione, esamina, in sostanza, gli appelli predisposti avverso le sentenze emesse dalle Commissioni Tributarie ubicate nelle Province di quella data Regione. Non tutte le Province italiane hanno la relativa Commissione Tributaria: si tratta delle nuove province di Barletta-Andria-Trani, Carbonia-Iglesias, Fermo, Medio-Campidano, Monza-Brianza, Ogliastra ed Olbia-Tempio.

La Commissione Tributaria Regionale della Lombardia, ad esempio, è competente ad esaminare le sentenze Commissioni Tributarie che hanno sede nelle province della Lombardia.

Ciò significa che avverso una sentenza emessa dalle suddette Commissioni Tributarie dovrà essere necessariamente proposto un appello tributario da depositare presso la Commissione Tributaria Regionale della Lombardia e non, ad esempio, presso la Commissione Tributaria Regionale del Lazio.

Una menzione deve essere poi fatta per le sezioni distaccate. In molte Regioni di Italia, la Commissione Tributaria Regionale ha delle sedi distaccate. In tal caso, anche alla luce della recente sentenza della Corte di Cassazione 30 dicembre 2020, n. 29886, bisogna prestare attenzione ad indicare la corretta Commissione Tributaria Regionale competente.

3. Termini appello tributario: la notifica

Conoscere e rispettare i termini dell’appello tributario è essenziale al fine di evitare l’inammissibilità ovvero l’improcedibilità dello stesso.

La disciplina applicabile nel processo tributario, contenuta nel decreto legislativo 31 dicembre 1992, n. 546, si richiama alla normativa contenuta nel codice di procedura civile.

In particolare, la notifica del ricorso in appello deve essere effettuata:

  • entro il termine sessanta giorni dalla notifica della sentenza della Commissione Tributaria Provinciale ad opera della controparte;
  • entro il termine sei mesi dalla data di deposito della sentenza presso la segreteria della Commissione Tributaria Provinciale, se la stessa non è stata notificata dalla controparte.

Occorre sottolineare che la decorrenza dei suddetti termini è sospesa tra il 1° e il 31 agosto (la cosiddetta sospensione feriale).

Merita poi evidenziare che, sulla base della nuova disciplina inerente il processo tributario telematico, la notifica dell'appello tributario deve avvenire a mezzo PEC, ad eccezione di quei casi in cui per cause imputabili alla PEC del destinatario è possibile procedere alla notifica con le modalità analogiche.

Nel processo telematico tributario, la PEC è reperibile nei seguenti pubblici elenchi:

  • INI-PEC;
  • IPA.

4. La costituzione nell’appello tributario

È importante notare che per costituirsi in giudizio e depositare un appello tributario è obbligatorio avvalersi del processo telematico tributario, registrandosi al SIGIT.

La costituzione in appello deve avvenire entro il termine di 30 giorni a partire dalla data di notifica dell'atto alla controparte.

Unitamente all’appello e agli allegati occorre depositare le ricevute PEC di notifica e accettazione, anch’esse firmate digitalmente.

La costituzione dell’appellato deve avvenire entro 60 giorni della notifica, mediante il deposito di un atto di controdeduzioni all’appello.

5. Appello tributario telematico

Sulla base delle norme attuali, l’appello tributario deve essere formato con modalità digitale e deve:

  • essere costituito in formato PDF/A-1a o PDF/A-1;
  • essere sottoscritto con firma elettronica in formato p7m.

Se il ricorso in appello non viene predisposto sulla base di tali specifiche tecniche è inammissibile.

6. Appello tributario e appello incidentale tributario

Dall'appello tributario si distingue l'appello incidentale tributario.

L’appello incidentale tributario è lo strumento processuale che l’ordinamento fiscale mette a disposizione delle parti (contribuente o Agenzia delle Entrate/Agenzia delle Entrate-Riscossione) nell’ipotesi in cui queste siano risultate parzialmente vittoriose nel processo tributario di primo grado.

In tali ipotesi l’interesse di entrambe le parti è di proporre un ricorso in appello avverso la sentenza impugnata della Commissione Tributaria Provinciale.

Tuttavia, uno solo degli appelli tributari proposti può essere il principale.

Quindi, la parte che procede per prima alla notifica dell’appello alla controparte è sostanzialmente la parte che instaura la lite in secondo grado, determinando l’appello tributario principale.

La parte appellata – la parte cioè che per prima ha ricevuto la notifica dell’appello – dovrà invece proporre atto di controdeduzioni e appello incidentale tributario: quest’ultimo deve quindi essere formulato nello stesso atto di controdeduzioni della parte appellata.

In sostanza, l’appello incidentale tributario si distingue dal ricorso in appello per il solo motivo temporale, in quanto predisposto successivamente alla avvenuta notifica dell’appello principale.

L’appello incidentale tributario - unitamente alla parte dello stesso proposto a titolo di controdeduzioni all'appello tributario principale - deve essere proposto entro il termine di 60 giorni a decorrere dalla notifica dell’appello principale a pena di inammissibilità.

Il presente articolo ha uno scopo puramente informativo e divulgativo.

Le considerazioni in esso espresse non necessariamente si rendono applicabili al tuo caso concreto.

Se hai necessità di maggiori informazioni puoi inviarci una mail all'indirizzo 4tax.it@4tax.it o compilare il form che trovi nella home di 4tax ed allegare l’atto impositivo che ti è stato notificato.

Compila il form: ti richiamiamo entro 1 ora e troviamo la soluzione migliore per annullare o ridurre il debito fiscale in 48 ore!

*Sei un commercialista o un avvocato?

Vai al form apposito!
Ti informiamo che i dati che fornirai saranno trattati esclusivamente ai fini della stipulazione del preventivo da parte di 4tax. Il conferimento dei dati è facoltativo; in mancanza, tuttavia, non potremo valutare la tua richiesta. In ogni caso il trattamento verrà effettuato adottando misure di sicurezza idonee nel rispetto del Regolamento 679/2016 (“GDPR”). Il trasferimento di dati a parti terze (Google, Webflow) non avverrà senza avere ottenuto preventivamente il Tuo esplicito consenso.  Il titolare del trattamento è 4tax - mail 4tax@4tax.it. Contattando il titolare hai diritto a richiedere l’accesso ai Tuoi dati, la rettifica o la cancellazione degli stessi, la limitazione del trattamento o la possibilità di opporsi al trattamento, la portabilità dei dati, di revocare il consenso al trattamento facendo valere questi e gli altri diritti previsti dal GDPR.
Grazie, la tua richiesta è stata inviata con successo!
Oops! Qualcosa non va, controlla bene i dati!