Interpelli Agenzia Entrate: efficacia anche per parti correlate

Le risposte agli interpelli dell'Agenzia delle Entrate si applicano alle controparti dell'istante!

L’articolo11, comma 3, della legge n. 212 del 2000, stabilisce che la risposta agli interpelli dell’Agenzia delle Entrate vincola solo il richiedente.

Con la recente ordinanza 30 marzo 2021, n. 8740, la Corte di Cassazione effettua un’interpretazione estensiva della suddetta norma, ritenendo applicabile ed efficace la risposta data dall’Agenzia delle Entrate all’istanza di interpello anche alle parti contrattuali del proponente.

1. Interpello Agenzia delle Entrate: l’ordinanza della Cassazione 30 marzo 2021, n. 8740

Con l’ordinanza n. 8740 del 30 marzo 2021, la Corte di Cassazione ha esaminato il caso di una società attiva specializzata nel settore degli impianti fotovoltaici, alle cui cessioni ha applicato l’aliquota IVA agevolata del 10%.

L’Agenzia delle Entrate ha notificato alla predetta società un avviso di accertamento, con il quale ha contestato l’applicazione agevolata dell’IVA al 10% alle cessioni di impianti fotovoltaici effettuate dalla società, richiedendo il pagamento della maggiore IVA, oltre interessi e sanzioni.

Nell’ambito del processo di primo e secondo grado, la Società – contestando l’avviso di accertamento dell’Agenzia delle Entrate – ha fatto leva sull’interpretazione rilasciata dall’Agenzia delle Entrate in risposta ad alcuni interpelli, emessi nei confronti di alcune parti contrattuali della società istante, nei quali l’applicazione dell’IVA agevolata del 10 per centro sembrerebbe essere stata ritenuta corretta dalla Commissione Tributaria Provinciale e Regionale.

2. Interpelli Agenzia delle Entrate: la risposta ha efficacia anche per le controparti dell’interpellante

La Corte di Cassazione – nel respingere il ricorso per Cassazione dell’Agenzia delle Entrate – nella recentissima ordinanza n. 8740 del 30 marzo 2021 ha fornito un’interpretazione innovativa dell’articolo 11, comma 3, dello Statuto dei diritti del contribuenti, molto attesa dagli operatori del settore.

In particolare, la Corte di Cassazione – nel richiamarsi al terzo comma dell’articolo 11 dello Statuto dei diritti del contribuente – ha affermato che l’efficacia vincolante della risposta “pur non trovando applicazione, in via generale, in relazione a casi analoghi relativi a soggetti diversi dall'interpellantepuò trovare applicazioneanche a soggetti, diversi da quest'ultimo, che, in relazione all'atteggiarsi e alla struttura della fattispecie impositiva, nonché all'allocazione dei relativi obblighi, sono indissolubilmente legati alla questione investita dall'interpello (e della relativa risoluzione o circolare dell'Amministrazione)”.

Secondo il Giudice delle leggi, tale soluzione è applicabile al caso esaminato “in cui la questione oggetto dell'interpello interessa l'individuazione dell'aliquota i.v.a. applicabile ad un'operazione di cessione di beni, inconsiderazione della idoneità del contenuto della risposta dell'Amministrazione ad interessare sia il cedente, sia il cessionario, avuto riguardo al modularsi degli obblighi di fatturazione, di versamento dell'imposta e di rivalsa dell'imposta applicata”.

3. Efficacia interpelli Agenzia Entrate: considerazioni finali

La soluzione data dalla Corte di Cassazione nell’ordinanza in commento appare giusta, oltre che di buon senso.

Sotto tale aspetto appare auspicabile una apertura della giurisprudenza anche di merito in tal senso, al fine di estendere l’efficacia della risposta all’istanza di interpello anche ai soggetti contrattualmente correlati al soggetto istante limitatamente alla fattispecie rappresentata nell’istanza.

Il presente articolo ha uno scopo puramente informativo e divulgativo.

Le considerazioni in esso espresse non necessariamente si rendono applicabili al tuo caso concreto.

Se hai necessità di maggiori informazioni puoi inviarci una mail all'indirizzo 4tax.it@4tax.it o compilare il form che trovi nella home di 4tax ed allegare l’atto impositivo che ti è stato notificato.

Compila il form: ti richiamiamo entro 1 ora e troviamo la soluzione migliore per annullare o ridurre il debito fiscale in 48 ore!

*Sei un commercialista o un avvocato?

Vai al form apposito!
Ti informiamo che i dati che fornirai saranno trattati esclusivamente ai fini della stipulazione del preventivo da parte di 4tax. Il conferimento dei dati è facoltativo; in mancanza, tuttavia, non potremo valutare la tua richiesta. In ogni caso il trattamento verrà effettuato adottando misure di sicurezza idonee nel rispetto del Regolamento 679/2016 (“GDPR”). Il trasferimento di dati a parti terze (Google, Webflow) non avverrà senza avere ottenuto preventivamente il Tuo esplicito consenso.  Il titolare del trattamento è 4tax - mail 4tax@4tax.it. Contattando il titolare hai diritto a richiedere l’accesso ai Tuoi dati, la rettifica o la cancellazione degli stessi, la limitazione del trattamento o la possibilità di opporsi al trattamento, la portabilità dei dati, di revocare il consenso al trattamento facendo valere questi e gli altri diritti previsti dal GDPR.
Grazie, la tua richiesta è stata inviata con successo!
Oops! Qualcosa non va, controlla bene i dati!