Intimazione di pagamento: la soluzione definitiva

L'intimazione di pagamento è pericolosa: se non adempi in 5 giorni il Fisco procede a esecuzione!

Se hai ricevuto la notifica di un’intimazione di pagamento da parte dell’Agenzia delle Entrate - Riscossione e vuoi sapere come risolvere, allora sei nel posto giusto!

1. Intimazione di pagamento: che cos'è?

L'intimazione di pagamento è l’atto - simile al c.d. avviso di mora - che l’Agenzia delle Entrate-Riscossione notifica a imprenditori, professionisti e cittadini per informarli delle tasse e delle sanzioni dovute, prima di dare avvio all'espropiazione forzata (si tratta della pretesa tributaria).

L'intimazione di pagamento, insomma, è quell'atto con cui vieni informato di quanti soldi devi dare al Fisco, e che ricevi se non hai pagato un avviso di accertamento oppure una cartella esattoriale.

2. Intimazione di pagamento: i termini

A partire dal momento in cui ricevi la notifica dell’intimazione di pagamento, hai solo 5 giorni per versare il dovuto (in un’unica soluzione ovvero mediante i piani di rateizzazione che trovi in questo articolo).

Diversamente dal termine di 60 giorni - a partire dalla data di notifica - previsto invece per il pagamento della cartella di pagamento,

Non c'è quindi da perdere tempo, se vuoi annullare il tuo debito fiscale ovvero il debito fiscale della tua azienda.

Intimazione di pagamento

3. Come rateizzare un’intimazione di pagamento

Importi fino a 60.000: gli importi richiesti con l’intimazione di pagamento possono essere rateizzati direttamente on-line, dichiarando la momentanea situazione didifficoltà. In questo caso, il piano ordinario permette di saldare il debito fino a 72 rate.

Importi superiori a 60.000 mila: gli importi richiesti con l’intimazione di pagamento possono essere rateizzati presentando domanda attraverso specifici indirizzi PEC e allegando il relativo ISEE. Se la domanda viene accolta si può accedere al piano ordinario che permette la rateizzazione fino a 72 rate.

Quelle appena delineate sono le rateizzazioni secondo il piano ordinario.

Se si hanno difficoltà ad adempiere alla rateizzazione secondo i suddetti piani, gli importi richiesti con l’intimazione di pagamento possono essere rateizzati mediante un piano straordinario di 120 rate. Per accedere a questo piano è necessario dimostrare di non poter pagare il debito secondo criteri ordinari.

Devi sapere che può accedere alla rateizzazione degli importi richiesti con una intimazione dipagamento anche chi è decaduto dalle varie definizioni agevolate.

In caso di mancato pagamento delle somme richieste entro 5 giorni – in un’unica soluzione ovvero mediante rateizzazione – l’Agenzia delle entrate-Riscossione potrà avviare un pignoramento (mobiliare, immobiliare o presso terzi). Guarda qui il nostro video per saperne di più!

4. Ricorso contro intimazione di pagamento: aspetta prima di pagare

Quando è possibile presentare dinanzi al giudice un ricorso avverso l’intimazione di pagamento?

Il ricorso può essere presentato se, a seguito di una scrupolosa verifica dell’atto, dovessero emergere dei vizi relativi alle cartelle di pagamento indicate nell’intimazione.

È in particolare possibile impugnare una intimazione di pagamento quando:

  • vi è un evidente vizio di motivazione;
  • la cartella esattoriale indicata nell’intimazione di pagamento non è stata regolarmente notificata (oppure vi è un caso di omessa notifica);
  • l’ente impositore non ha più il diritto di vantare le somme richieste perché prescritte (notifica degli atti non è stata mai fatta, ad esempio).

5. A chi ci si rivolge per impugnare l’intimazione di pagamento?

Se l'intimazione di pagamento presenta dei vizi, come quelli di cui ti abbiamo appena parlato, è possibile presentare un ricorso.

In questo caso, ci si rivolge al giudice ordinario per quanto riguarda i contributi (inps e INAIL) e alla Commissione tributaria provinciale per quanto riguarda i tributi.

Devi sapere che avverso l’intimazione di pagamento è anche possibile procedere con un ricorso ai sensi dell’articolo 615 del cpc. La Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 41226 del 22 dicembre 2021 ha affermato che “a fronte della notifica di una intimazione di pagamento, la parte può proporre opposizione ai sensi dell'art. 615 c.p.c., con diverse finalità” .

Molte persone si sono rivolte a Noi per risolvere in via definitiva il loro debito fiscale.

Se anche tu hai ricevuto un’intimazione di pagamento come quella che trovi in questa pagina e vuoi risolvere definitivamente, annullando o riducendo in modo consistente il debito tributario, contattaci compilando il form che trovi in fondo a questa pagina.

Compila il form: ti richiamiamo entro 1 ora e troviamo la soluzione migliore per annullare o ridurre il debito fiscale in 48 ore!

*Sei un commercialista o un avvocato?

Vai al form apposito!
Ti informiamo che i dati che fornirai saranno trattati esclusivamente ai fini della stipulazione del preventivo da parte di 4tax. Il conferimento dei dati è facoltativo; in mancanza, tuttavia, non potremo valutare la tua richiesta. In ogni caso il trattamento verrà effettuato adottando misure di sicurezza idonee nel rispetto del Regolamento 679/2016 (“GDPR”). Il trasferimento di dati a parti terze (Google, Webflow) non avverrà senza avere ottenuto preventivamente il Tuo esplicito consenso.  Il titolare del trattamento è 4tax - mail 4tax@4tax.it. Contattando il titolare hai diritto a richiedere l’accesso ai Tuoi dati, la rettifica o la cancellazione degli stessi, la limitazione del trattamento o la possibilità di opporsi al trattamento, la portabilità dei dati, di revocare il consenso al trattamento facendo valere questi e gli altri diritti previsti dal GDPR.
Grazie, la tua richiesta è stata inviata con successo!
Oops! Qualcosa non va, controlla bene i dati!