Processo verbale di constatazione: come orientarsi!

Processo verbale di constatazione e osservazioni al PVC: quando rispondere alla verifica fiscale!

Il processo verbale di constatazione (PVC) dell’Agenzia delle Entrate o della Guardia di Finanza è un atto amministrativo con cui si documenta formalmente l’attività di controllo e di verifica fiscale, eseguita presso la sede del contribuente (sede legale nel caso di società o residenza nel caso di persona fisica).

Si tratta di un'attività necessaria ai fini dell’emissione degli accertamenti fiscali.

All’interno del processo verbale di constatazione vengono riportate le irregolarità, le violazioni di legge e gli adempimenti contestati al contribuente nell’ambito della sua attività di impresa o di lavoro autonomo.

Per saperne di più guarda qui il nostro video.

1. La normativa applicabile al processo verbale di constatazione

La normativa che disciplina le modalità di emissione del processo verbale di constatazione è contenuta:

  • nell’art. 24 della legge n. 4 del 1929;
  • nell’art.  52 del d.p.r. n. 633 del 1972;
  • nell’art. 12, comma 7, della legge 212 del 2000.

2. Il processo verbale di notifica giornaliero

Nell’ambito delle verifiche intraprese a carico di un determinato contribuente, un ruolo di assoluta importanza ha il processo verbale di notifica giornaliero.

Si tratta, in sostanza, di un processo verbale delle operazioni compiute in un dato giorno, che ha l’obiettivo di sintetizzare le attività di controllo svolte, con tutte le operazioni e i dati reperiti nel corso della verifica.

Il processo verbale di notifica giornaliero viene spesso poco considerato sia dai soggetti sottoposti a verifica fiscale sia dai consulenti, che spesso lo ritengono poco rilevante.

A nostro avviso, invece, tale processo verbale è molto importante perché laddove dovessero ravvisarsi degli errori di notevole importanza nell'ambito della verifica fiscale vi sarebbe la possibilità di contestare l'operato del Fisco, presentando delle dichiarazioni (anche per il tramite di un avvocato tributarista).

3. La notifica del processo verbale di constatazione: cosa fare?

Quando il processo verbale di constatazione viene notificato al contribuente bisogna innanzi tutto capire se le contestazioni operate sono fondate. La parte fondamentale è la sezione conclusiva, che riassume i rilievi contenuti nel PVC, dando evidenzia:

  • delle violazioni riscontrate;
  • delle eventuali dichiarazioni rilasciate dal contribuente;
  • delle maggiori imposte dovute, con le relative sanzioni amministrative;
  • degli allegati.

Se le contestazioni dell’Agenzia delle Entrate o della Guardia di Finanza sono concrete e motivate, la soluzione più corretta è procedere al pagamento delle imposte richieste mediante l’istituto del ravvedimento operoso. In tal caso, l’articolo 13, comma 1, lettera b-quater, del decreto n. 472 del 1997, prevede la riduzione delle sanzioni a 1/5 rispetto a quelle applicabili.

Qualora, invece, le contestazioni operate dall’Agenzia delle Entrate o dalla Guardia di Finanza fossero errate è opportuno presentare delle memorie difensive al PVC: le cosiddette osservazioni al PVC.

4. Osservazioni al PVC

Le osservazioni al PVC sono uno strumento che il contribuente ha la facoltà di utilizzare ove voglia contestare, dopo il PVC, le conclusioni cui è pervenuta l’Agenzia delle Entrate o la Guardia di Finanza.

È importante notare che le osservazioni al PVC (art 12 Statuto del contribuente), devono essere notificate entro 60 giorni dalla notifica del processo verbale di constatazione.

Le osservazioni al PVC rivestono un’importanza assoluta in quanto non sempre le contestazioni operate dall’Agenzia delle Entrate o dalla Guardia di Finanza a seguito della verifica fiscale sono fondate.

Ove, quindi, vengano ravvisati errori da parte dell’Amministrazione Finanziaria è sempre bene predisporre tali osservazioni, con l’obiettivo di evitare che la contestazione operata nel PVC possa essere inclusa nell’avviso di accertamento.

5. Processo verbale di constatazione impugnazione

Occorre evidenziare che il processo verbale di constatazione non è un atto impugnabile.

Esso, infatti, non figura tra gli atti indicati nell’articolo 19 del decreto legislativo n. 546 del 1992.

Avverso il processo verbale non è quindi possibile predisporre un ricorso tributario, ma è soltanto possibile presentare le osservazioni al PVC di cui abbiamo parlato.

6. PVC guardia di finanza nullo: è possibile?

È corretto parlare di nullità del processo verbale di constatazione?

In realtà, sulla base degli strumenti messi a disposizione dell’ordinamento tributario, non è tecnicamente corretto parlare di nullità.

L’obiettivo cui può mirare il contribuente - cui sia stato notificato un processo verbale di constatazione - è dimostrare, attraverso la presentazione di osservazioni al PVC, che le conclusioni dello stesso sono infondate e convincere l’Ufficio dell’Agenzia delle Entrate competente a non emettere l'avviso di accertamento.

In quest'ottica l'attività difensiva - operata dal contribuente - deve obbligatoriamente essere valutata dall'Ufficio, pena la nullità dell'accertamento dell'Agenzia delle Entrate per vizio di motivazione.

Il presente articolo ha uno scopo puramente informativo e divulgativo.

Le considerazioni in esso espresse non necessariamente si rendono applicabili al tuo caso concreto.

Se hai necessità di maggiori informazioni puoi inviarci una mail all'indirizzo 4tax.it@4tax.it o compilare il form che trovi nella home di 4tax ed allegare l’atto impositivo che ti è stato notificato.

Compila il form: ti richiamiamo entro 1 ora e troviamo la soluzione migliore per annullare o ridurre il debito fiscale in 48 ore!

*Sei un commercialista o un avvocato?

Vai al form apposito!
Ti informiamo che i dati che fornirai saranno trattati esclusivamente ai fini della stipulazione del preventivo da parte di 4tax. Il conferimento dei dati è facoltativo; in mancanza, tuttavia, non potremo valutare la tua richiesta. In ogni caso il trattamento verrà effettuato adottando misure di sicurezza idonee nel rispetto del Regolamento 679/2016 (“GDPR”). Il trasferimento di dati a parti terze (Google, Webflow) non avverrà senza avere ottenuto preventivamente il Tuo esplicito consenso.  Il titolare del trattamento è 4tax - mail 4tax@4tax.it. Contattando il titolare hai diritto a richiedere l’accesso ai Tuoi dati, la rettifica o la cancellazione degli stessi, la limitazione del trattamento o la possibilità di opporsi al trattamento, la portabilità dei dati, di revocare il consenso al trattamento facendo valere questi e gli altri diritti previsti dal GDPR.
Grazie, la tua richiesta è stata inviata con successo!
Oops! Qualcosa non va, controlla bene i dati!